"Da qualche parte si deve pur cominciare" per iniziare a cimentarsi con qualche fotografia panoramica d'impatto e sul lago Maggiore. Già ma come scelgo il luogo adatto e che goda di una bella vista sul lago, peculiarità questa che solo di suo rende la nostra gita o escursione interessante.
Non tutti i luoghi sono interessanti esclusivamente dal punto di vista fotografico, alcuni siti molto belli per il colpo d'occhio hanno molti elementi di disturbo. Vegetazione, fili elettrici (ahimè, parecchi), oppure edifici, costituiscono un'ostacolo alle nostre inquadrature. Un'altra considerazione da tenere presente è quella di considerare l'ora in cui intendiamo scattare, evitiamo le ore centrali della giornata sempre.


Iniziamo dal Maggiore che abbiamo la fortuna di avere a portata di click, e, tenedo conto di quanto descritto precedentemente, i luoghi interessanti di certo non abbondano per numero.
Iniziamo dalla parte bassa, una località interessante è "Il Sass dal pizz", la si raggiunge in circa 15 minuti di cammino e si trova nel comune di Nebbiuno. Nel web si trovano le indicazioni precise per raggiungerla. Sulla sommità si trovano pure due panchine in legno e la vista è superba, merita sicuramente una o più visite, magari per immortalare un'alba o fare qualche bella foto notturna.

Sempre rimanendo nell'alto novarese un'altra località interessante e facilmente raggiungibile è il "Parco della rocca di Arona" (sito web), dove si ha una bella vista sia su Arona e il basso lago, sia  verso la parte nord in direzione Meina. Recentemente recuperato dall'abbandono e reso fruibile ai visitatori, l'entrata al parco è gratuita e una birra presso il bar presente è consigliata. Mi sento inoltre di consigliare questa località come punto di ripresa per lo spettacolo pirotecnico che ogni anno si svolge ad Arona a cavallo tra luglio e agosto.

Nel Verbano Cusio Ossola di punti panoramici sul lago Maggiore degni di una vista (quasi) a 360 gradi ed esenti da elementi di disturbo ve ne sono pochi ma di sicuro interesse, il primo che consiglio senza ombra di dubbio è il monte Camoscio nel comune di Baveno. La vista da lassù vi lascierà senza fiato con le isole Borromee che mostrano la sua bellezza, per raggiungerlo si deve faticare un poco ma da lassù lo sguardo è veramente imponente. In rete si trovano tutte le indicazioni per raggiungerlo, ma sostanzialmente vi sono due modi, o lo si raggiunge tramite sentiero immerso nei boschi di castagno oppure se frequentate la montagna ed avete un certa esperienza tramite una via ferrata (Ferrarata dei picasass) realizzata ed inaugurata lo scorso anno dalla locale sezione del Cai locale. Se invece non siete dotati  dell'attrezzatura tecnica per risalire le via rivolgetevi alle Guida alpina Giorgio Sacco (http://www.lagomaggiorecanyoning.it), in tutta sicurezza proverete anche questa emozione. La via è facile e non è particolarmente esposta, e con la sua risalita apprezzerete ancora di più gli scatti fotografici del prima, durante e dopo lasciandovi un piacevolissimo ricordo.

Una bella visione del lago Maggiore e sull'intero golfo Borromeo con le isole è in località Montorfano. E' una frazione di Mergozzo raggiugibile prima in auto imboccando la strada che inizia in zona stazione di Verbania poi una volta lasciato il mezzo nella piazzetta sterrata del borgo (che offre di suo molti spunti fotografici) in circa 10 minuti a piedi seguento le indicazioni per il "Belvedere".
Vista mozzafiato e scatti assicurati.

Un'ultimo punto fotografico che vi consiglio (sempre per i consigli detti prima) è il monte Morissolo. In auto lo si raggiunge da Verbania seguendo le indicazioni per Premeno oppure per il Centro auxologico di Piancavallo, è proprio da quest'ultimo che lasceremo l'auto per proseguire a piedi percorrendo una strada sterrata costruita durante la prima guerra mondiale nell'ambito delle fortificazioni militari della Line Cadorna. Al monte Morissolo sono presenti e interamente recuperate alcune opere come gallerie, postazioni e trincee. (elementi in più da fotografare).
In circa 30 minuti di facilissimo cammino su strada ben segnalata si raggiunge la cima del monte dove potete concentrarvi sugli scatti, verso sul lago Maggiore e verso nord sul sottostante paese di Cannero riviera.

Come detto all'inizio mi sono limitato a descrive esclusivamente luoghi che non presentano elementi disturbo fastidiosi, ci sono località che fino a qualche anno fa erano perfette ma che col passare degli anni gli alberi son cresciuti e le loro fronde hanno reso impossibile la vista di un tempo. 
Interessanti vi sono le località del Giardino Alpinia in località Alpino di Stresa, la chiesa di San Salvatore a Premeno, il monte Zucchero al Mottarone (molto esposto sul finale), la frazione di San Agata a Cannobio. 

Avvertenze

Tutte le immagini ed i contenuti presenti in questo sito web sono soggetti a copyright ed il loro utilizzo o divulgazione (anche parziale) è vietato nonché sanzionabile.
Sono autorizzate le condivisioni sui social network se effettuate con gli strumenti appositamente previsti per tale scopo nel mio sito web.

News Letter